Ciao, mi chiamo Maria Grazia, sono nata nel 1961 (leone), ho cominciato prestissimo a creare ... a sei-sette anni facevo le prime "giacchine" per le bambole (sciarpette con due buchi per infilare le braccia) .... poi fiori di carta, portamatite o portafiori con le mollette di legno, ricamo e maglie, tante maglie .... anche ora le idee sono tantissime, purtroppo il tempo è poco ma riesco lo stesso a ritagliarne durante la giornata per "liberarle" ....

lunedì 27 maggio 2019

Fiori di sambuco in pastella


Dopo aver fatto lo sciroppo con i fiori di sambuco, ho voluto provare una ricettina trovata in un libro di preparazioni con fiori ed erbe spontanee: la ricetta prevedeva una impanatura abbastanza spessa, io ho modificato un po' le dosi.
Gli ingredienti:
fiori di sambuco appena fioriti
un uovo
latte q.b.
farina q.b.
olio per friggere
Per 6/7 fiori non troppo grandi ho preparato una pastella non troppo densa con l'uovo, mezzo bicchiere di latte e un cucchiaio e mezzo di farina. Ho messo un paio di cucchiai di olio nella padella per friggere (e aggiungerne un po' alla volta man mano che si riduce) e, uno o due alla volta, ho messo i fiori passati prima nella pastella; appena posati i fiori ho tagliato i gambi più grossi per poterla girare bene dopo...
 ...appena si rassoda e prende un po' di colore la parte sotto, girare la frittatina. Io non ho messo il sale nella pastella ma si può insaporire a piacere; possono essere impiattate così, come contorno oppure spolverizzate di zucchero a velo come frittatine dolci...
Ho voluto anche provare una pastella più leggera, tipo tempura:
gli ingredienti, oltre ai fiori di sambuco appena fioriti
acqua frizzante
farina q.b.
olio per friggere
...anche qui ho fatto una pastella non troppo densa, per una decina di fiori ho usato un bicchiere di acqua frizzante e un paio di cucchiai di farina e un pizzico di sale. La procedura per fare le frittatine è uguale a quella di quelle con la pastella latte/uovo. Queste mi sono piaciute di più spolverizzate con lo zucchero a velo.

7 commenti:

  1. Fiori di sambuco... non l'ho mai mangiato. Vorrei mangiare! :)
    Ma mangiamo fiori di glicini in tempura.
    Un abbraccio
    erba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la prima volta che li provo e mi sono piaciuti, avevo provato i nasturzi e le primule con l'insalata ma non conoscevo il glicine in tempura...

      Elimina
  2. Sembrano davvero buone! Anche io preferirei la sola farina, sono più leggere.
    grazie per la ricetta.
    un abbraccio
    sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho provate anch'io per la prima volta e sono piaciute, non solo a me.... finché posso raccogliere i fiori proverò anche diverse densità dei pastella, quelle con acqua e farina mi piacciono molto di più con lo zucchero a velo...

      Elimina
  3. Ma sai che avevo letto anche io una ricetta simile che mi ispirava molto!
    Adesso provo anche io con gli ultimi fiori della pianta davanti casa.
    Grazie per la ricetta.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho provata perché ho un piccolo alberello in giardino che stava fiorendo e mi dispiaceva vedere la pioggia rovinare quei bellissimi fiori....a me sono piaciuti, li rifaccio sicuramente appena possibile prima che spariscano tutti i fiori...

      Elimina
  4. Ma che bella idea, complimenti!

    RispondiElimina

Ti ringrazio per la visita e l'eventuale commento che vuoi lasciare, leggo con piacere tutti i messaggi; rispondo direttamente a ognuna via mail (controlla di non essere "no-reply" ed eventualmente lascia la tua mail) - Se non hai un' account puoi fare così: 1) Scrivi il tuo commento; 2) dove c'è "commenta come" apri il menù a tendina e scegli Anonimo; 3) Clicca su "pubblica".